Registrazione domini

Reja non sta nella pelle: “Vittoria che vale quella nel derby”

. Kozak ed Hernanes: “Puntiamo in alto”

 Edy Reja è al settimo cielo per l’incredibile rimonta della sua Lazio, capace di ribaltare e vincere la sfida contro il Cesena, nonostante il doppio svantaggio e l’inferiorità numerica maturato dopo un primo tempo da incubo. “Abbiamo avuto la stessa soddisfazione della vittoria in un derby – ha confessato il tecnico goriziano – Vincere in rimonta e sotto di un uomo è straordinario. Questi ragazzi sono impagabili, come dimostrato anche a Genova. Nell’intervallo c’era avvilimento e sconforto, io ho dato serenità, tranquillità e carica. Ho detto ‘Ragazzi, siamo più forti del Cesena, torniamo in campo e vinciamola!’”. Fondamentale il contributo di Kozak, nonostante le precarie condizioni fisiche del ceco, al rientro dopo oltre un mese di stop: “Ha fatto gol risolvendoci i problemi. Non poteva durare oltre 20′, era reduce da un infortunio lungo, infatti alla fine ha giocato mezz’ora (è stato sostituito da Scaloni nel finale, ndr) avendo disputato solo due allenamenti. Ledesma regista difensivo? C’avevo già pensato in altre occasioni, l’idea di riproporlo c’è”.

Proprio Libor Kozak ha voluto esprimere ai microfoni del post-partita la sua gioia per un ritorno in campo da ricordare: “Ribaltare una gara dove eravamo sotto 2-0 e di un uomo è stato bellissimo. Sono felice per il rientro ed il mio primo gol in campionato. Per noi è una grande vittoria, dimostra ancora una volta che siamo squadra, giochiamo tutti assieme per vincere. Terzo posto? Dobbiamo continuare così e puntare in alto, ma il campionato è ancora lungo”. Convinzioni ribadite da Hernanes, che ha dato il là alla rimonta con un gran gol a inizio ripresa, anche se il Profeta non ha condiviso un paragone azzardato da Reja: “Stasera come il derby? È stata una grande gioia, ma il derby è diverso… Una grandissima soddisfazione, questa squadra non muore mai, abbiamo ripreso una partita incredibile. Vogliamo arrivare in alto e migliorare ancora”. Klose si è rivelato ancora una volta decisivo, nonostante qualche errore di troppo nel primo tempo: “Io sono un suo fan, non lo conoscevo così bene – ha spiegato l’ex San Paolo – Invece fa gol, assist, è intelligente ed aiuta la squadra. Il suo contributo è stato fondamentale, come sempre”.

di Redazione Centrale 10/02/2012 10:48
Condividi questo articolo:
Facebook Twitter MySpace Delicious Yahoo Google
Diggita Segnalo Digg OkNotizie Spurl
Stampa Invia ad un amico